CONSIGLI DI LETTURA #6

Consigli di lettura


Per voi, una nuova piccola suggestione letteraria, con la quale spero di stimolare un pò la vostra curiosità di lettori…


Valerio Evangelisti, “Tortuga”

Rogério de Campos, giovane nostromo portoghese ed ex gesuita, viene arruolato a forza sul brigantino Neptune dal capitano pirata Laurens DeTortuga, di Valerio Evangelisti Graaf, detto Lorencillo, dopo che la sua ciurma ha assalito la nave spagnola su cui viaggiava, il Rey de Reyes. Entra così a far parte della confraternita dei “Fratelli della costa”, avventurieri e pirati fedeli a Luigi XIV, re di Francia, che assalgono le navi che battono bandiera di stati avversi alla corona francese nel Mar dei Caraibi.
Evangelisti colpisce per uno stile narrativo asciutto ed incisivo. Le descrizioni sono realistiche e sempre storicamente fondate, non a caso il Nostro è stato anche un notevole ricercatore storico. Evangelisti affronta con straordinaria efficacia figurativa la violenza tipica del contesto narrato.
Colpisce molto, inoltre, il confronto “politico-governance” che viene messo in scena fra il mondo dei Pirati e quello “civile” delle navi spagnole. Nelle navi spagnole vige un sistema organizzativo gerarchico e punitivo mentre fra i pirati, nonostante tutto, ruoli e indipendenza sono all’ ordine del giorno.

Valerio Evangelisti (Bologna, 20 giugno 1952) fino al 1990 porta avanti una carriera accademica, è laureato in Scienze politico indirizzo storico-politico, che alterna con l’attività di funzionario del Ministero delle Finanze. È conosciuto soprattutto per il ciclo di romanzi dell’inquisitore Nicolas Eymerich e per la trilogia di Nostradamus, divenuti bestseller. Raggiunge la notorietà vincendo nel 1993 il Premio Urania con il romanzo Nicolas Eymerich, inquisitore.

Matteo Pazzi

Matteo Pazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.