L’agenda personalizzata

Agenda personalizzataEbbene sì, anche quest’anno ho rimandato l’acquisto dell’agenda per poi ritrovarmi in cartoleria a dover scegliere tra il diario delle Winks, una costosissima agenda da avvocato e una banale e con una copertina tristissima. Ovviamente ho preso l’ultima, quella economica e con le pagine prive di brillantini. Ma la copertina… Ecco come è nata l’idea dell’agenda personalizzata!

  • Stoffa non elastica che più vi piace

  • Ago, filo e ditale

  • Gesso o matita

  • Forbici

  • Qualcosa per decorare

Prendete un pezzo di stoffa che vi piaccia particolarmente (anche un pezzo dei vostri jeans ormai lisi andrà bene) e la vostra nuova orrenda agenda. Apritela e segnate sulla stoffa il contorno dell’agenda aperta (schiacciate bene, ci serve anche il dorso!). Col gesso o con la matita, aggiungete al rettangolo che avete creato, altri due rettangoli sui lati corti che siano alti quanto l’agenda e larghi la metà della copertina dell’agenda in questione. Tenendovi a circa un centimetro di distanza dal bordo disegnato, ritagliate il pezzo di stoffa. Fate un risvolto tutto intorno e cucitelo per bene. Ora mettete l’agenda aperta sulla stoffa e, partendo da un lembo di quella che sarà la vostra nuova copertina, piegatela all’interno e passatela all’esterno dell’agenda rivestendola letteralmente con la stoffa. Chiudetela e assicuratevi che sia messa bene. Ora fissate con due punti di imbastitura la parte di stoffa interna alla copertina “originale”, per così dire, dell’agenda, alla parte esterna. Togliete l’agenda e cucite i lembi.
E ora la decorazione… inutile soffermarsi. Ognuno faccia ciò che vuole, nel proprio stile. Io ho creato un portapenna lasciando il rettangolo di stoffa 3 cm più lungo e ho aggiunto un segnalibro in cordoncino di carta con un bottone alla fine. E nessuno, vi assicuro nessuno, ha un’agenda come questa!

Elisabetta Mier

Elisabetta Mier

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.