L’importanza di cominciare

«L’inizio è sempre oggi»
Mary Shelley
Oggi camminavo nel chiasso di una stazione. Il primo giorno dell’anno, tanta gente, facce stanche, sorridenti, annoiate, chi correva per raggiungere un treno all’ultimo minuto, chi si trascinava dietro a fatica valige troppo pesanti.
E io, lì in mezzo, ho pensato che mi piace. Mi piace proprio questa confusione in cui mi ritrovo così spesso, questi suoni, questi percorsi, questo senso di movimento. Che sia partenza o ritorno, non importa, perché ogni partenza è anche ritorno, alle emozioni che inseguiamo,  e ogni ritorno è anche un po’ una nuova partenza, con nuove energie.
In qualsiasi modo il viaggio è luce, crescita, speranza, continuo rinnovarsi.
Ed è un pensiero che conta particolarmente oggi. Viaggiare il primo dell’anno significa iniziarlo già proiettati in avanti, con il piede pronto a proseguire.
E allora io, camminando per quella stazione, sola col mio trolley, in mano un biglietto per salire sull’ennesimo treno, allora sì, io ho sorriso.
Se qualcuno se n’è accorto forse si sarà chiesto perché sorridevo tra me senza un apparente motivo.
Ma io lo sapevo: mi stavo muovendo e stavo cominciando. E comincerò, comincerò, comincerò…

Franca Bersanetti Bucci

Sono Franca, vivo in provincia di Ferrara e sono appassionata d’arte in generale, ma in particolar modo di teatro. Scrivo racconti, poesie e articoli su giornali online e siti internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.