Pulizia dei tappeti

Sette mesi se ti va bene, alcuni anche prima, hanno una sola cosa in mente: strusciarsi a terra. Addio vestitini puliti, momenti di privacy in bagno. Addio “ci lavo domani”, il pavimento deve essere sempre lindo. Aspirapolvere a tutte le ore, la passi tu, poi dopo 10 secondi la passa il padre, e se si trova a venire tua madre, lo passa anche lei. Nasce la psicosi della scopa a vapore, almeno non usi saponi e il pavimento è disinfettato. Nel frattempo lui/lei abbandona definitivamente quel fazzoletto di stoffa, coperta, o plaid che tu tieni a terra cercando di limitare il suo rapporto intimo con il pavimento. Ora mette le mani in bocca, poi le passa sul pavimento, poi le rimette in bocca. Cerca, insaziabile di polvere e di piccole immondizie, gli angoli più reconditi della casa, dietro i mobili. All’inizio ti fa stare tranquilla, ogni cosa che trova sul pavimento te la porge orgoglioso/a per buttarlo. Appena tu entri nell’ottica “ok… almeno non mette tutto in bocca”, inizia a farlo.
Il pavimento si riesce a tenere pulito facilmente con l’aspirapolvere senza fili e una scopa a vapore, è un gioco da ragazzi. Ma… i tappeti? Per la cameretta di Fra’ mi feci prendere dall’entusiasmo… Tappeto Ikea arancio a pois bianchi. Divertente, dava un tocco alla camera. Francesco lo adora, adora la sua stanzetta. Ogni tanto sparisce dalla cucina e lo trovo che gioca in camera sua con “Valentino lo scooterino”, la palestrina di quando era piccolo, o semplicemente svuota il contenitore dei suoi panni sporchi e poi rimette tutto dentro. Il tutto su questo enorme tappeto.. che per quanto io lo passi continuamente con l’aspirapolvere e spesso anche con la scopa a vapore mi da proprio l’idea di essere pieno di polvere e germi.
L’ansia mi uccide… passiamo al da farsi.
Ecco dunque la ricetta trovata sul libro Pulire al naturale:

Ingredienti per un’area di 2 metri quadrati circa:

  • ½ tazze di bicarbonato di sodio
  • ¼ tazza di sapone di marsiglia in scaglie
  • 10 gocce di olio essenziale alla lavanda
  • 4 gocce di olio essenziale al rosmarino
  • ¼ tazza di aceto
  • 1 tazza di acqua calda

1. Battere un tappeto o passarlo con un scopa rigida per far salire in superficie lo sporco, quindi passare l’aspirapolvere su tutta l’area.

2.Versare in una ciotola di plastica bicarbonato e sapone a scaglie. Aggiungere gli oli essenziali e mescolare bene, frantumando i grumi con una forchetta o un frullino. Spargere poi la miscela sul tappeto.

3. In un secchio, versare l’acqua calda e l’aceto. Immergere un panno spugna pulito nel secchio e strizzarlo per bene. Passare con delicatezza il panno su tutto il tappeto procedendo per sezioni. Attendere un ora aspettando asciughi bene bene e passare nuovamente l’aspirapolvere.

Il bicarbonato e il sapone servono ad eliminare le eventuali macchie, l’aceto pulisce e solleva le fibre del tappeto, rigenerandone l’aspetto. L’olio essenziale di lavanda dona un fresco profumo di pulito e quello di rosmarino ha un azione disinfettante, quanto il bicarbonato. Direi insomma la ricetta perfetta!

Marilina Fucile

Marilina Fucile

Sono Marilina, ho studiato Comunicazione,  oggi sono una mamma artigiana che confeziona supporti portabebé su misura, vivo in Calabria con il mio compagno, mio figlio e il nostro cane Scag. Grazie a mio figlio ho riscoperto il rispetto della natura, della vita e tante bellissime pratiche come il nutrimento naturale e il babywearing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.