RECENSIONE – “L’altra parte del mondo”: la grande avventura

Mc Colleen Cullough, l’autrice del famosissimo Uccelli di Rovo, ci regala un’altra opera colma di avventura e passione: L’altra parte del mondo.
Questo romanzo è tratto da una storia vera: la biografia di Richard Morgan, uno dei primi coloni a sbarcare in Australia dall’Inghilterra attorno alla seconda metà del Settecento. L’autrice attraverso una minuziosa ricerca e grazie alla collaborazione dei discendenti di Morgan ricostruisce la vita di Richard: dapprima uomo libero, poi prigioniero e infine pioniere nel nuovo continente australiano. Richard Morgan conduce una vita tranquilla, fatta di lavoro, sacrifici e dedizione alla famiglia. Inizialmente questo personaggio ci appare mite e quasi succube delle vicende che si susseguono nel suo piccolo mondo, ma quando viene ingannato e imprigionato nelle navi penali inglesi e conseguentemente deportato, il suo carattere si forgia ed emerge un leader d’animo giusto in grado di guidare e aiutare i prigionieri come lui fra pericoli e immani sofferenze. Richard con astuzia e intelligenza riuscirà a crearsi amicizie e alleanze, in uno sfondo di drammatiche condizioni di vita e inumane fatiche.

Il romanzo si snoda nell’arco di un’esistenza intera e trasporta il lettore intensamente attraverso un percorso di vita realmente vissuto. Un’opera interessante da più punti di vista: umano e storico, fra biografia e documento, che ci permette di conoscere le origini della moderna Australia e di tutti quelli che come il protagonista sono stati i pionieri dei suoi insediamenti.

«Ci inventeremo modi per passare il tempo e così non impazziremo. […] Se diventiamo matti l’avranno vinta loro e io mi rifiuto di dargli questa soddisfazione. Vinceremo noi.» ( L’altra parte del mondo, RCS Libri Rizzoli, 2001)

Serena Piovaccari

Serena Piovaccari

Mi chiamo Serena, sono laureata in Tecnologia della Comunicazione Audiovisiva e Multimediale, mi occupo di regia e creazione di audiovisivi. Adoro scrivere poesie e leggere libri. Ritengo che leggere sia come aprire una meravigliosa finestra in un mondo sconosciuto, resta alla curiosità del lettore la sua scoperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.